it

UN “GENERE” DI DESIDERIO – MATERNITÀ E MALATTIA REUMATICA

Details

Data e ora Apr 10 '19, 09:00
Evento si conclude Apr 10 '19, 16:00
Luogo
Bari AULA A Piano 0, Regione Puglia Via Gentile, 52
Creator Admin

Who's attending

Descrizione

Le malattie reumatiche colpiscono spesso donne in età fertile. Negli ultimi anni la qualità

di vita delle pazienti affette da queste patologie è notevolmente migliorata, per cui anche

loro si aspettano di avere una vita normale che includa il desiderio di avere dei figli.

Una corretta gestione prima e durante la gravidanza è la condizione fondamentale per

favorire la nascita di un bambino sano senza complicanze ostetriche correlate alla

malattia di base. A tale scopo è necessaria la presenza di un team multidisciplinare che

comprenda il reumatologo, il ginecologo ed eventualmente il neonatologo e altri specialisti

che possano intervenire in caso di manifestazioni della malattia materna.

Il periodo migliore per iniziare una gravidanza è quando la malattia materna sia in uno

stato di remissione, spontanea o dovuta ad un trattamento farmacologico compatibile,

da almeno 6 mesi.

L’attività di malattia in gravidanza può avere un andamento variabile. Una terapia mirata,

basata sul rischio di riacutizzazione della malattia stessa, può permettere di mantenere

la remissione durante la gravidanza oppure una minima attività di malattia. Tutto ciò è

reso possibile da una crescente confidenza nell’utilizzo di farmaci antireumatici durante

la gravidanza. Uno stretto monitoraggio delle pazienti permette di individuare eventuali

segnali e mettere a punto le scelte terapeutiche più adeguate.

Il corso ECM ha l’obiettivo di analizzare e approfondire i seguenti aspetti:

 - Proposte e idee progettuali per una migliore presa in carico delle pazienti in età fertile

con malattie reumatiche

 - Esperienze e best practice sul territorio regionale

 - La medicina di genere e l’appropriatezza terapeutica

 - L’importanza del counselling

 - Le prospettive dell’innovazione terapeutica

The Wall

Nessun commento
Devi entrare per commentare